Gli Organi sociali della Pro Loco

Sono organi della Pro Loco: L’Assemblea dei Soci, il Consiglio di Amministrazione, il Presidente, la Giunta e il Collegio dei Revisori dei Conti.

Assemblea dei Soci

L’Assemblea sei Soci è costituita da tutti i Soci iscritti nel apposito registro annuale; essa rappresenta l’universalità dei soci ed è chiamata a svolgere precisi ruoli definiti dalla Statuto associativo. L’Assemblea è convocata, dal Presidente su delibera del CdA, almeno una volta l’anno entro il 1° marzo. Ogni socio dell’associazione esprime e rappresenta un voto e fa parte dell’Assemblea. Nella seduta ordinaria annuale delibera e discute sul conto economico consuntivo e preventivo, delibera e discute sul programma di attività e sulle proposte delle iniziative, elegge i componenti del CdA e i componenti del Collegio dei Revisori. La seduta ordinaria annuale è un importante momento per la vita della Pro Loco in quanto, in tale occasione, vengono presentate le attività da realizzare e organizzare per l’anno nuovo. Inoltre è l’occasione per relazionare su quanto fatto, cogliere suggerimenti e spunti per le nuove iniziative. Tutti i soci possono prendere parte alle sedute e manifestare le proprie considerazioni.

Consiglio di Amministrazione

Il Consiglio di Amministrazione è eletto dai Soci durante l’Assemblea Ordinaria Annuale ed è composto da un minimo di 7 ad un massimo di 15 soci. I componenti restano in carica per 3 anni e sono rieleggibili. Il CdA si riunisce almeno quattro volte l’anno ed è investito dei poteri per la gestione ordinaria della Pro Loco ed in particolare gli sono riconosciute tutte le facoltà per il raggiungimento delle finalità sociali che non siano dalla legge o dal presente Statuto riservate, in modo tassativo, all’Assemblea. Spetta inoltre al Consiglio di Amministrazione la gestione del patrimonio sociale, la formazione di un conto di previsione col relativo programma d’attuazione, la stesura del rendiconto economico e finanziario consuntivo e la relazione sull’attività svolta. Il Consiglio di Amministrazione può deliberare un regolamento interno atto a regolamentare il funzionamento e la gestione dell’Associazione stessa e delle sue attività. Delle riunioni consiliari dovrà essere redatto apposito verbale firmato dal Presidente e dal Verbalizzante ed approvato di volta in volta dal Consiglio stesso, consultabile da tutti i Soci presso la sede sociale. Il Consiglio può nominare tra i suoi membri il segretario e il tesoriere. Compito del tesoriere è seguire i movimenti contabili della Pro Loco e le relative registrazioni. Il Consiglio può nominare apposite commissioni o gruppi di lavoro composti da consiglieri e membri esterni per l’organizzazione di determinate attività sociali.

Presidente

Il Presidente della Pro Loco è eletto dal Consiglio di Amministrazione nella sua prima riunione con la presenza della maggioranza dei Consiglieri e a maggioranza dei voti espressi. Il Presidente dura in carica per lo stesso periodo di vigenza del Consiglio di Amministrazione. Può essere riconfermato. La carica è gratuita. Il Presidente è il rappresentante legale della Pro Loco, ha la responsabilità della sua Amministrazione, la rappresenta di fronte ai terzi ed in giudizio, convoca e presiede il Consiglio di Amministrazione, convoca l’Assemblea dei Soci, è responsabile della conservazione della documentazione contabile della Pro Loco. Il Presidente può provvedere ad assegnare funzioni delegate ai membri del Consiglio di Amministrazione a propria discrezione. Tali funzioni vengono assegnate mediante circolare. Ad ogni consigliere, dal momento dell’insediamento del Consiglio di Amministrazione, è attribuita, automaticamente, la funzione di rappresentanza dell’ente.

In caso di assenza o di impedimento temporaneo sarà sostituito dal Vice Presidente. Il Vice Presidente è nominato, tra i componenti, dal Consiglio di Amministrazione su proposta del Presidente. Possono essere nominati più Vice Presidenti, fra essi uno assume il ruolo di Vice presidente Vicario.

Giunta

Il Consiglio di Amministrazione, su indicazione del Presidente, può provvedere a nominare la Giunta, la quale è composta da 5 membri tra i consiglieri eletti, tra cui il Presidente e il/i Vicepresidente/i. Tale nomina deve avvenire entro novanta giorni dall’insediamento del Consiglio di Amministrazione. Sono demandate a questo organo le funzioni di ordinaria amministrazione attribuite alla Giunta sono di tipo preparatorio rispetto ai lavori del Consiglio oppure di svolgimento specifico di alcune attività demandate dal Consiglio di Amministrazione stesso.

Collegio dei Revisori dei Conti

Il Collegio dei Revisori dei conti è composto da tre membri eletti dall’Assemblea dei Soci anche tra non Soci. Il Collegio nomina tra i suoi membri il Presidente. Il Presidente del Collegio dei Revisori può invitato a partecipare, con voto consultivo, alle sedute del Consiglio di Amministrazione. Il Collegio dei Revisori dei conti ha il compito di esaminare periodicamente ed occasionalmente in qualsiasi momento la contabilità sociale. I Revisori dei conti, eletti dall’Assemblea dei Soci, durano in carica tre anni ma decadono in caso di decadenza del Consiglio di Amministrazione; essi sono rieleggibili.

Commissioni e Gruppi di Lavori

Le Commissioni e/o i gruppi di lavoro non sono un organo sociale ma vengono istituite per supportare il CdA e agevolare lo svolgimento di iniziative e finalità sociali. Il CdA può istituire dei Gruppi di lavoro per lo sviluppo, la progettazione, ideazione e realizzazione di un progetto / evento / attività o di una parte di essi. Tali commissioni sono composte da membri interni ed esterni del Consiglio di Amministrazione. Sono nominate dal Cda su proposta del Presidente e della Giunta; la delibera di istituzione conterrà l’esplicazione delle funzioni delegate al gruppo di lavoro e l’autonomia concessa. Il Presidente può proporre alla Giunta Esecutiva di deliberare al fine di determinare degli assegni per l’esercizio delle funzioni delegate ai Gruppi di lavoro, indicando un specifico capitolo di bilancio.  I lavori del gruppo sono coordinati dal referente il quale deve essere un membro eletto del Consiglio di Amministrazione ed è individuato all’interno della delibera di istituzione della commissione. Il Gruppo di lavoro deve provvedere a redigere verbali non ufficiali delle attività svolte provvedendo a presentare, tramite il suo referente, il progetto completo al Consiglio di Amministrazione per l’approvazione. Nel momento in cui viene insediato un nuovo Cda, esso dovrà provvedere, entro novanta giorni, all’istituzione di una commissione dedicata ai soci collaboratori più giovani dell’Associazione, al fine di promuovere lo sviluppo di iniziative ed attività per questa specifica categoria. Essi saranno rappresentati all’interno del Cda come per le commissioni ordinarie.

Soci dell’associazione

Sono Soci Ordinari coloro che versano la quota di iscrizione annualmente stabilita dal Consiglio di Amministrazione. Possono essere iscritti come Soci tutti i residenti nella località ed altresì coloro che per motivazioni varie sono interessati all’attività della Pro Loco. Sono Soci Sostenitori coloro che, oltre alla quota ordinaria, erogano contribuzioni volontarie straordinarie. Sono Soci Onorari i Soci che vengono denominati tali dal Consiglio di Amministrazione per particolari meriti acquisiti nella vita della Pro Loco. I soci sono i sostenitori delle attività e dei progetti della Pro Loco.

Fonti: Statuto associativo (artt. 4-7-8-9-10-11-12) e Regolamento di funzionamento interno (capo III – IV – V).

One thought on “Gli Organi sociali della Pro Loco

I Commenti sono chiusi.