BioFesta 2016: visitare e scoprire Ragogna

In occasione della BioFesta – festival dei prodotti locali e biologici regionali sarà possibile visitare mostre e attrazioni presenti a Ragogna, cliccare qui per il programma.

Mostra 40° anniversario “Terremoto in Friuli” | Cripta di San Giacomo (accesso parco festeggiamenti) | dalle ore 17.00 alle 23.00

Ragogna_01In occasione del quarantesimo anniversario del catastrofico terremoto in Friuli, è stata realizzata la Mostra “40 anni di ricostruzione, materiale e umana 1976-2016”, c
che racconta le conseguenze del sisma in tutte le sue frazioni (San Giacomo, Pignano, Viluzza, San Pietro e Muris) attraverso le immagini scattate prima e dopo il tragico evento, oltre a mostrare oggi come sono quei posti. Una ricca selezione di scatti a cui ha contribuito la stessa cittadinanza e le istituzioni che all’epoca presero in mano la situazione. Le immagini non potranno mai raccontare appieno ciò che accadde in quei mesi del 1976, quando la vita dei friulani cambiò per sempre: due scosse di terremoto che segnarono per sempre questa terra e i suoi abitanti. Ma possono aiutare a capire chi quei tragici fatti non li visse perché non ancora nato o perché arrivato in Friuli anni dopo; e al tempo stesso fanno riaffiorare nella memoria di chi c’era un’esperienza che nessuno vorrebbe vivere sulla propria pelle, ma che il destino gli riservato indiscriminatamente.


Castello e Pieve di San Pietro | Via Castello, San Pietro di Ragogna | Sabato 30 luglio e 6 agosto: dalle 14.30 alle 17.30 – Domenica 31 luglio e 7 agosto: dalle 14.30 alle 17.30

Foto 05-05-15 13 44 08Sorge in uno dei luoghi più suggestivi e panoramici di Ragogna. Sorto nel periodo romano, il “Castrum Reuniae”, fortificazione lungo la pedemontana friulana a difesa della strada romana che portava a Norico. In epoca longobarda diventa un importante centro in cui si rifugiano le popolazioni in occasione delle invasioni degli Avari. Le testimonianze artistiche di notevole interesse documentano l’importanza che riveste il sito in questi secoli. All’interno della Pieve sono visibili gli scavi archeologici dell’abside e della fonte battesimale (sec. XI), nonché un ciclo di affreschi del sec. XIII (Genesi). Il Castello è composto da mura di cinta merlanda con la porta Nord, il mastio, il cortile interno con il pozzo ed una serie di fabbricati che in origine ospitavano le cantine, le segrete, le cucine e le scuderie.


Museo della Grande Guerra | Centro Culturale “R. Battistig”, Via Roma, 23 | Sabato 30 luglio e 6 agosto: dalle 15.30 alle 18 – Domenica 31 luglio e 7 agosto: dalle 15.30 alle 18

IMG_4033 Il museo offre una completa e dettagliata descrizione della Grande Guerra nel comune di Ragogna ed implementa le informazioni che si possono reperire effettuando le escursioni nei percorsi a tema. I pannelli sono accompagnati dalla raccolta di diverso materiale trovato nei campi di battaglia circostanti e da immagini dell’epoca. Inoltre si trovano due teche: un plastico che riproduce il territorio della battaglia con tutte le notizie relative al 31 ottobre 1917, mentre la seconda contiene la ricostruzione dello scontro sul Monte Ragogna e Cornino. Non mancano poi altre informazioni utili per comprendere meglio il territorio come la storia delle fortificazioni precedenti alla guerra, la ricostruzione del paese dopo il 1918 ed il recupero della memoria.